Musei in Comune – Zètema

Musei in Comune

 

Il sistema museale di Roma Capitale è costituito da 21 luoghi e siti archeologici molto diversi tra loro. Oltre ai Musei Capitolini, il museo pubblico più antico del mondo, ne fanno parte:

  • il Museo dell’Ara Pacis, progettato da Richard Meier e sede di importanti mostre;
  • i Mercati di Traiano con il Museo dei Fori Imperiali;
  • il Museo di Roma–Palazzo Braschi, l’istituzione più significativa per la conoscenza della storia sociale e delle attività artistiche a Roma dal Medioevo agli inizi del Novecento;
  • la Galleria d’Arte Moderna di Via Crispi, in cui si può godere di un percorso privilegiato tra le tendenze dell’arte italiana post risorgimentale e del Novecento.
  • Centrale Montemartini, dove una selezione di sculture e reperti archeologici dei Musei Capitolini sono stati messi in mostra in un edificio di archeologia industriale recuperato;
  • Villa di Massenzio, una delle aree archeologiche più suggestive della campagna romana, sulla via Appia Antica dove si visitano: il palazzo, il circo ed un mausoleo dinastico;
  • MACRO Museo d’Arte Contemporanea Roma è oggi considerato un punto di riferimento dell’arte contemporanea pubblica a Roma;
  • MACRO Testaccio è una forte incisiva di ricerca e produzione artistica e culturale, che riflette la voglia di contemporaneità della città di Roma

Il Sistema è poi arricchito da alcuni tesori nascosti alcuni dei quali gratuiti, piccoli musei con preziose collezioni come:

  • il Museo Napoleonico;
  • il Museo di Roma in Trastevere;
  • il Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco;
  • il Museo Carlo Bilotti all’Aranciera di Villa Borghese;
  • il Museo Pietro Canonica;
  • il Museo di Villa Torlonia Casina delle Civette;
  • i Museo di Villa Torlonia Casino Nobile;
  • il Museo delle Mura;
  • la Casa Museo Alberto Moravia;
  • il Museo del  Repubblica Romana e della memoria garibaldina;
  • il Museo Civico di Zoologia;
  • il Museo di Casal dei Pazzi;

 

ATTENZIONE PER USUFRUIRE DEGLI SCONTI OCCORRE PRESENTARE LA TESSERA DELLA FITEL